Corpore sano e in forma

Il fitness o forma fisica è uno stato di salute e benessere ed in particolare è legato alla capacità di svolgere sport, attività professionali e attività quotidiane. La forma fisica è generalmente raggiunta non solo con esercizio fisico regolare e moderato, ma anche attraverso un'adeguata nutrizione e un riposo sufficiente. L'età e la salute esercitano un ruolo importante nel programmare l'esercizio fisico. Anche la salute mentale, sociale ed emotiva sono parti importanti della forma fisica generale. Fare un'attività fisica può anche aiutare a dormire meglio e a migliorare l'umore.

Lo Yoga può potenziare i cervelli che invecchiano

Sono stati osservati cambiamenti nelle aree dell’attenzione e della memoria, ma non è chiaro ancora se lo yoga ne sia la causa.

Le donne più anziane che praticano lo yoga possono avere un maggiore “spessore” nelle aree del cervello coinvolte nella memoria e nell’attenzione, suggerisce uno studio.

I ricercatori hanno scoperto che anche rispetto alle altre donne sane e attive per la loro età, le donne che praticano regolarmente yoga avevano in genere uno spessore corticale maggiore nella corteccia prefrontale sinistra del cervello.

Sembrerebbe una buona notizia perché, come hanno sottolineato i ricercatori, il deterioramento cognitivo causato dall’invecchiamento è solitamente associato a un minor volume nelle aree corticali del cervello relative all’attenzione e alla diminuzione della memoria.

Gli esperti hanno ammesso che ancora non è chiaro quali siano le conclusioni da trarre dai risultati dello studio.

Le scoperte sono basate su scansioni cerebrali di meno di 50 donne e non provano che sia lo stesso yoga a modificare la struttura cerebrale, secondo la ricercatrice Elisa Kozasa. Magari la differenza cerebrale poteva esistere da prima che le donne provassero lo yoga.

Tuttavia, lo studio aggiunge corpo all’evidenza di un legame tra yoga e funzionamento del cervello.

Effetti dello yoga sul nostro cervello

In particolare, la pratica dello yoga ha effetti neuroplastici sul cervello che possono tradursi in altri benefici per la salute, come un umore migliore e una capacità cognitiva più efficiente.

Quando si parla di “neuroplasticità” si riferisce alla capacità del cervello di riorganizzarsi e formare nuove connessioni tra le cellule nel corso di una vita.

In un recente studio pilota alla UCLA Geffen School of Medicine, si sono messi in evidenza gli effetti delle lezioni settimanali di yoga in 25 adulti anziani che mostravano segni precoci di problemi di memoria. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale ad un programma di 12 settimane di yoga – che includevano alcuni movimenti, pratiche di respirazione e meditazione – o ad un programma di 12 settimane di “giochi cerebrali”.

Alla fine dei programmi, entrambi i gruppi avevano migliorato sui test di memoria standard, rispetto all’inizio dello studio. Ma il gruppo di yoga aveva mostrato un miglioramento più grande.

Lo yoga contro lo stress quotidiano

Secondo la Prof.ssa Lavretsky, autore dello studio sopracitato, è possibile che lo yoga apporti benefici al cervello nel corso tempo, allentando lo stress quotidiano. O anche le pratiche di yoga potrebbero avere un effetto più diretto sul “fitness del cervello”.

Kozasa ha sottolineato che lo yoga comporta una “componente cognitiva“, in cui chi lo pratica affina la sua capacità di concentrazione mentre si mantengono coscientemente le posizioni, eseguendo esercizi di respirazione e meditando.

Si tratta di capire ora se chi fa yoga da molto tempo mostra effettivamente una differenza nella struttura cerebrale rispetto a chi non lo fa.
Nel primo studio si sono eseguite scansioni cerebrali di 42 donne che avevano 60 anni di età. La metà delle donne aveva praticato regolarmente lo yoga negli ultimi 15 anni. Il resto delle donne era sano e fisicamente attivo, ma non praticava yoga.

Le donne di entrambi i gruppi avevano livelli di istruzione molto alti. Eppure il gruppo che praticava yoga presentava uno spessore corticale maggiore nelle regioni del cervello coinvolte in funzioni esecutive come l’attenzione.

Tuttavia, potrebbero esserci altre spiegazioni per i risultati, ha spiegato Lavretsky – come le differenze nelle altre scelte di stile di vita dei due gruppi, nelle abitudini del sonno o nei livelli di stress percepiti.

Kozasa è d’accordo. Ciò che è necessario, ha detto, è uno studio a lungo termine che classifica i cambiamenti del cervello nei praticanti dello yoga e dei non praticanti nel tempo.

E mentre alcune ricerche suggeriscono che lo yoga stimola la memoria e l’attenzione, non è chiaro se la pratica possa frenare il rischio di demenza senile.

Approfondisci il tema dei disturbi di memoria, del declino cognitivo e della demenza senile su Inpha.it.

WebMD News from HealthDay

Fonti:

Elisa Kozasa, Ph.D., researcher, Hospital Israelita Albert Einstein, Sao Paulo, Brazil; Helen Lavretsky, M.D., professor-in-residence, psychiatry, Geffen School of Medicine, University of California, Los Angeles; June 2017, Frontiers in Aging Neuroscience, online

Related

Come fare fitness durante i giorni più impegnativi

Come fare fitness durante i giorni più impegnativi

Non serve fare per forza un allenamento completo per fare fitness durante i giorini più impegnativi....

Leggi di più >
Quali consigli per correre in modo corretto?

Quali consigli per correre in modo corretto?

In primis, bisogna assicurarsi di essere un minimo attivi prima di iniziare o si rischia di farsi ma...

Leggi di più >